askarrigo







 

  


#askArrigo… qualcosa di straordinerio!

L’inventore del calcio totale in Italia, Arrigo Sacchi, è stato protagonista martedì 26 novembre della live chat in diretta streaming su YouTube e Google+. Una chiacchierata di poco più di un’ora nella quale il Mister ha risposto alle domande di nove tra blogger e giornalisti scelti per l’occasione, oltreché dei tanti tifosi che hanno posto i loro quesiti usando l’hashtag #askArrigo nei nostri canali social. Durante l’hangout il “profeta” di Fusignano si è raccontato e ha raccontato tanti episodi. A partire dall’esordio sulla panchina del Parma e dalla storica vittoria a San Siro in Coppa Italia contro il Milan, passando per le emozioni della finale di USA ’94, le polemiche sull’impiego di Baggio e la visione avuta all’epoca (“Negli ultimi 10 minuti di Italia-Nigeria ho visto me stesso: salivo su una scaletta e andavo verso una destinazione sconosciuta”). Diversi i punti saldi del Sacchi-pensiero sul gioco totale: pressare alto, marcare a zona, attaccare e difendere in undici. Non si sbilancia sui suoi eredi o sulla squadra che potrebbe far ricordare i fasti del suo periodo d’oro ma elogia Ancelotti, Guardiola e soprattutto Conte, allenatore della Juventus paragonato a Riccardo Muti per la sua capacità di dirigere e orchestrare con armonia il gioco dei suoi. A chi chiede dell’importanza di un top player risponde che il talento del singolo è nulla senza il gioco di squadra e, parlando dell’ex tecnico dell’Inter, dice: “Un allenatore è un po’ come il regista di un film: conosce la sceneggiatura e deve trovare gli attori migliori che interpretino i ruoli che ha in mente. Stramaccioni si è trovato in una mission impossible: aveva un’idea di calcio ma non aveva i giocatori adatti”. Non sono mancati giudizi amari nei confronti della gestione dei settori giovanili italiani, della mancanza di pazienza dei dirigenti di club e della difficoltà di far convivere, in atleti come Balotelli, genio e sregolatezza. Alla domanda su quale sia il giovane talento più promettente risponde: “Il mio pensiero di oggi potrebbe non coincidere con il mio pensiero di domani. Se mi aveste fatto la stessa domanda l’anno scorso avrei risposto, senza dubbio, Insigne. Ma ha perso brillantezza, è diventato un mestierante… non vorrei fosse colpa dei soldi.” Visto il momento difficile del club di Via Turati, il Milan, la domanda su un suo possibile ritorno nello staff dirigenziale era d’obbligo. Meno scontata la risposta: un no secco. Insomma, tanta carne al fuoco nel primo incontro con Arrigo Sacchi, con l’auspicio che si ripeta al più presto.

Host

 

Tancredi Palmeri

 

@tancredipalmeri

 

Corrispondente dall’Italia per beIN Sport USA, dopo 3 anni con la CNN, dal 2007 scrive per la Gazzetta dello Sport.

Panel

 

Davide Licordari

 

davidelicordari.com

 

Grande appassionato di calcio e di Twitter, ha ideato e organizzato i TweetAwards, maggior evento in italiano dedicato al mondo di Twitter. Coltiva il sogno di vincere un campionato a Football Manager.

 

Cristiano Carriero

 

cristianocarriero.me

 

Caporedattore sport di bloglive.it e social media manager di mestiere, giornalista per passione, canta il calcio come se fosse una storia d’amore e perde amori come fossero partite di calcio.

 

Francesco Pagani

 

sciabolatamorbida.com

 

Blogger per vocazione, giornalista per passione e scrittore per diritto divino, vive di e per il calcio, con un debole per i talenti del domani.

 

Raffaele R. Riverso

 

ilcatenaccio.es/it

 

Corrispondente di Tuttosport in Spagna. Giornalista: generalista per vocazione, sportivo per caso. Prima di lavorare per quattro anni a Repubblica, ha mosso i primi passi al Quotidiano della Calabria.

 

 

Affetto da footballite acuta da 23 anni, scrive per Calciomercatonews.com e diversi altri portali. Irrazionalmente innamorato dei registi di centrocampo e dei “nueve” vecchio stampo.

*

 

Simone Beltrambini

 

calcioline.com

 

Fin da bambino, “pallone” in testa e, ovviamente, nei piedi; per lui la prima vera passione è la sfida tra Maradona e Platini. Professionalità e semplicità il suo principale cavallo di battaglia.

 

Giovanni Armanini

 

bresciaoggi.it

armafc.wordpress.com

 

Scrive dall’età di 5 anni. Redattore di Bresciaoggi, ha lavorato per due anni per Digitalsoccer project, la società di statistica del gruppo Panini, occupandosi del mercato dei media.

 

Orazio Rotunno

 

sportcafe24.com

 

Redattore presso SportCafe24, ha mosso i primi passi nella scrittura per desiderio di verità, nella sua forma più pura ed imparziale, priva di strumentalizzazione ed interessi personali o di potere.

 

Giuseppe Andriani

 

colpoditacco.it

 

Giuseppe Andriani, praticante giornalista. Collaboratore di Colpoditaccoweb, e coordinatore di SportCafe24.com. Amante dell’arte e il calcio rientra nella categoria.